Makoto Shinkai

Makoto Shinkai, il cui vero nome è Makoto Niitsu, è uno dei registi di film d'animazione giapponesi più rinomati e influenti del ventunesimo secolo. Nato il 9 febbraio 1973 a Nagano, in Giappone, Shinkai ha catturato l'immaginazione del pubblico globale con la sua capacità unica di mescolare visivamente poesia e narrativa, creando opere che esplorano tematiche profonde come la solitudine, l'amore, la speranza e la distanza emotiva e fisica.

< Biografia >

¬ Inizi e Prime Opere

Dopo essersi laureato alla Facoltà di Lettere dell'Università di Chuo, Shinkai iniziò la sua carriera lavorando come graphic designer nell'azienda di videogiochi Falcom, dove acquisì competenze nella creazione di animazioni. Creando sequenze animate per i videogiochi, sviluppò l’interesse di creare i propri progetti e quindi iniziò le sue prime creazioni una volta tornato a casa dal lavoro, realizzandole interamente da solo e utilizzando esclusivamente la CG.

Il suo primo progetto indipendente, Lei e il suo gatto (1999; Kanojo to Kanojo no Neko), un cortometraggio di cinque minuti in bianco e nero interamente realizzato da lui, vinse diversi premi, incluso il primo premio al 12° concorso DoGA CG Animation, con cui attirò l'attenzione su di lui come talento emergente nell'animazione. Questo successo gli aprì la strada per lavorare a progetti più ambiziosi. Il cortometraggio descrive in dettaglio la vita di un gatto, raccontata interamente dal suo punto di vista, mentre passa il tempo con la sua proprietaria, una giovane donna.

La svolta nella carriera di Shinkai avvenne nel 2002 con La voce delle stelle (Hoshi no Koe), un Original Video Animation (OVA) che narra la storia di due amici separati da distanze planetarie. Realizzato quasi interamente da Shinkai sul suo computer personale, il film è stato lodato per la sua animazione mozzafiato e la profondità emotiva, stabilendo Shinkai come un maestro nel raccontare storie di relazioni intime su sfondi cosmici e distanze incolmabili.

¬ I primi lungometraggi

Seguirono altri successi come Oltre le nuvole, il luogo promessoci e 5 cm al secondo, entrambi i quali hanno esplorato temi simili di separazione e amore non corrisposto, consolidando ulteriormente la sua reputazione.

L'ambizioso lungometraggio di novanta minuti Oltre le nuvole, il luogo promessoci (2004; Kumo no Mukō, Yakusoku no Basho) fu realizzato presso CoMix Wave Films con un team di produzione al completo, piuttosto che da solo sul suo computer di casa. In quanto regista, produttore e scrittore, Shinkai mantenne uno stretto controllo sulla sua visione e il film che ne è risultato non fa altro che approfondire i suoi temi ricorrenti di alienazione adolescenziale, separazione romantica, desiderio doloroso, concentrandosi su paesaggi meravigliosi dai cieli sorprendentemente colorati. In questo film dovette per la prima volta svolgere il ruolo di regista, dando indicazioni, facendo revisioni e gestendo il team; ruolo che imparò a svolgere nel tempo e con diverse esperienze.

5 cm al secondo (2007; Byōsoku Go Senchimētoru) è composto da tre cortometraggi, che raccontano la storia di un ragazzo, Takaki, e di tre eventi distinti di diversi periodi della sua vita. Separato dal suo amore d'infanzia Akari, il ragazzo soffre di una ferita emotiva che peggiora con il tempo.

Dopo 5 cm al secondo, Shinkai prese una pausa incoraggiato dal proprio team e passò un anno circa a Londra. In questo periodo, Shinkai completò lo script per Viaggio verso Agartha (2011; Hoshi wo Ou Kodomo), un film che esplora il tema della perdita. Trovandosi in un contesto culturale diverso, Shinkai era ispirato a creare una storia dove la cultura giapponese non fosse rilevante e così creò quest’avventura diversa dalle precedenti, ambientata in un mondo sotterraneo misterioso, con svariate creature magiche e molte scene d'azione. Per rendere il film universale, Shinkai si ispirò ai miti occidentali e alla loro struttura narrativa, come ad esempio la leggenda greca di Orfeo che si reca nell’oltretomba per riportare in vita la sua amata. Nonostante la lavorazione sia stata iniziata prima del terremoto del Tōhoku, il film uscì nelle sale dopo questo tragico avvenimento e quindi la speranza fu comunque quella di poter confortare le persone, visto il tema della perdita trattato nel film.

Successivamente Shinkai realizzò Il giardino delle parole (2013; Kotonoha no Niwa), un mediometraggio che racconta una delicata storia d'amore ambientata a Tokyo durante la stagione delle piogge. Il film ancora una volta dimostra la sua capacità di catturare la complessità emotiva e la bellezza visiva, continuando a esplorare temi di solitudine e connessione umana con una sensibilità e una maestria narrativa crescenti.

¬ Il Capolavoro “Your Name” e Progetti Recenti

Nel 2016, Shinkai realizzò quello che sarebbe diventato il suo lavoro più famoso, Your Name (Kimi no Na wa). Questo lungometraggio infatti ha infranto i record al botteghino in Giappone e a livello internazionale, diventando uno dei film d'animazione di maggior successo di tutti i tempi. La storia di due adolescenti che misteriosamente si ritrovano uno nel corpo dell'altra, ha toccato il cuore di milioni di spettatori, apprezzata tanto per la sua narrazione innovativa, quanto per la splendida animazione e per lo spettacolo visivo che si lega alla colonna sonora emotiva.

Dopo il successo di Your Name, Shinkai continuò a esplorare temi di amore, perdita e destino in Weathering with You (2019; Tenki no Ko), un altro successo critico e commerciale che ha rafforzato il suo status di regista di spicco nell'animazione giapponese. La sua capacità di creare storie che risuonano su scala globale, unita a una visione artistica distintiva, lo ha reso ancora di più una figura influente nel mondo dell'animazione.

Suzume (2022; Suzume no Tojimari) è il settimo lungometraggio di Shinkai, che si dimostra ancora un successo di critica e andando ad incassare oltre 300 milioni di dollari in tutto il mondo.

< Stile e Tematiche >

Lo stile visivo di Shinkai è noto per le sue dettagliate e luminose rappresentazioni del cielo e dei paesaggi, che servono spesso da sfondo emotivo per le storie dei personaggi. La sua attenzione al dettaglio nell'animazione e l'uso della luce e del colore creano scene di straordinaria bellezza, che elevano le narrazioni emotive al cuore dei suoi film. Le luci e le ombre sono talmente importanti per Shinkai che le indica direttamente nello storyboard, dove talvolta aggiunge anche fotografie di posti reali.

Tematicamente, Shinkai esplora spesso la natura dell'amore e della connessione umana in contesti caratterizzati da grandi distanze o separazioni irrisolvibili. Queste storie di desiderio, nostalgia e speranza riflettono una profonda comprensione delle complessità delle relazioni umane, rendendo i suoi film universalmente risonanti.

< Filmografia >

Oltre le nuvole, il luogo promessoci

Uscito nel 2004, durata 1h 30m.

5 cm al secondo

Uscito nel 2007, durata 1h 3m.

Viaggio verso Agartha

Uscito nel 2011, durata 1h 56m.

Il giardino delle parole

Uscito nel 2013, durata 46m.

Your Name

Uscito nel 2016, durata 1h 46m.

Weathering with You

Uscito nel 2019, durata 1h 52m.

Ascolta il podcast

Suzume

Uscito nel 2019, durata 1h 52m.

Ascolta il podcast

\\ Conclusione

Makoto Shinkai ha lasciato un segno indelebile nell'industria dell'animazione con la sua visione unica e il suo talento narrativo. Mentre continua a esplorare nuovi territori narrativi e visivi, la sua opera rimane un punto di riferimento per l'innovazione e la profondità emotiva nell'animazione. Con ogni nuovo progetto, Shinkai non manca mai di incantare e ispirare il pubblico, consolidando il suo posto come uno dei registi di film d'animazione più influenti e amati del nostro tempo.

- - -

↓ Seguiteci sui vari canali social e diteci la vostra nei commenti: che ne pensate di questo regista e qual è il vostro film preferito? ↓

◊ Twitter

◊ Instagram